#photojournalism

2,947,788 posts tagged with #photojournalism

Photos and Videos about #photojournalism

(@waterworld.project)

4 Days 6 Hours Ago

The effects of climate change – rising sea levels and sea surface temperatures, resulting in greater instances of low pressure in the Bay of Bengal – have brought a sudden vulnerability to the lives and livelihoods of people living in coastal areas. Chittagong and Khulna, two major ports and business cities, are greatly threatened. The most heavily effected places are the old parts of Chittagong, like Chaktai, Khatunganj, Bakolia, and Agrabad. If things continue to worsen, the business hubs of Chaktai and Khatunganj could become completely submerged in the near future. The millions of people living in these areas have to battle tidal surge sometimes twice a day. Prior to this sudden regularity, the only tidal surge in remembered history occurred during 1991, when a hurricane hit the coastal area of Chittagong. The new, frequent tidal surges are even higher than that in 1991 and can remain for days on end, causing great concern for the inhabitants. Scientists now predict that the majority of the coastal area of Bangladesh will be completely submerged by the year 2050 – and the possibility of it happening sooner is immensely concerning. Despite the millions of people affected, the government of Bangladesh isn’t paying attention to the havoc that climate change is wreaking upon the city. I believe it is high time for authorities to take the necessary steps to make people aware of this problem before it is too late. #js#jas#jashimsalam#photographer#documentary#bangladesh#chittagong#portrait#waterworld#project#climatechange#climaterefugee#flood#tidal#risingsealevel#humeneterian#migration#climatechangeisreal#climatetracker#photojournalism#vaulnerable#tv#street#submurged#floodwater#water#people#nature#instagram

(@waterworld.project)

4 Days 6 Hours Ago

The effects of climate change – rising sea levels and sea surface temperatures, resulting in greater instances of low pressure in the Bay of Bengal – have brought a sudden vulnerability to the lives and livelihoods of people living in coastal areas. Chittagong and Khulna, two major ports and business cities, are greatly threatened. The most heavily effected places are the old parts of Chittagong, like Chaktai, Khatunganj, Bakolia, and Agrabad. If things continue to worsen, the business hubs of Chaktai and Khatunganj could become completely submerged in the near future. The millions of people living in these areas have to battle tidal surge sometimes twice a day. Prior to this sudden regularity, the only tidal surge in remembered history occurred during 1991, when a hurricane hit the coastal area of Chittagong. The new, frequent tidal surges are even higher than that in 1991 and can remain for days on end, causing great concern for the inhabitants. Scientists now predict that the majority of the coastal area of Bangladesh will be completely submerged by the year 2050 – and the possibility of it happening sooner is immensely concerning. Despite the millions of people affected, the government of Bangladesh isn’t paying attention to the havoc that climate change is wreaking upon the city. I believe it is high time for authorities to take the necessary steps to make people aware of this problem before it is too late. #js#jas#jashimsalam#photographer#documentary#bangladesh#chittagong#portrait#waterworld#project#climatechange#climaterefugee#flood#tidal#risingsealevel#humeneterian#migration#climatechangeisreal#climatetracker#photojournalism#vaulnerable#tv#street#submurged#floodwater#water#people#nature#instagram

(@nsestratec)

27 Seconds Ago

2018-09-16 Diada LGBTI - [BI]sibilitzem-nos Reportatge complet en bit.ly/DiadaLGBTI about.me/nsestratec Manifestación convocada por @CridaLGBTI y @NouBarrisLGBTI por la Diada LGBTI y, en esta ocasión, reclamando visibilización y sensibilidad para el colectivo bisexual. Unas 250 personas participaron en la movilización, que transcurrió con total normalidad, como era de esperar. Iniciada en la plaça Virrei Amat se dirigió por Doctor Pí i Molist, passeig Verdum, Vía Julia y Argullós, hasta la plaça Ángel Pestaña, donde la manifestación se convirtió en fiesta popular (hay otro post sobre la fiesta). #noubarris #bisibilitzemnos #lgbti #lgtbifobia #transfobia #homofobia #unframe #everydayeverywhere #everydaystruggle #fotoperiodismo #gettyimages #lensculture #neverstopthejourney #photojournalism #reportagespotlight #storytelling #thephotosociety  #urbanphotograph #visapourlimage #everydaybarcelona #igersbcn #igerscatalunya

(@waterworld.project)

4 Days 6 Hours Ago

The effects of climate change – rising sea levels and sea surface temperatures, resulting in greater instances of low pressure in the Bay of Bengal – have brought a sudden vulnerability to the lives and livelihoods of people living in coastal areas. Chittagong and Khulna, two major ports and business cities, are greatly threatened. The most heavily effected places are the old parts of Chittagong, like Chaktai, Khatunganj, Bakolia, and Agrabad. If things continue to worsen, the business hubs of Chaktai and Khatunganj could become completely submerged in the near future. The millions of people living in these areas have to battle tidal surge sometimes twice a day. Prior to this sudden regularity, the only tidal surge in remembered history occurred during 1991, when a hurricane hit the coastal area of Chittagong. The new, frequent tidal surges are even higher than that in 1991 and can remain for days on end, causing great concern for the inhabitants. Scientists now predict that the majority of the coastal area of Bangladesh will be completely submerged by the year 2050 – and the possibility of it happening sooner is immensely concerning. Despite the millions of people affected, the government of Bangladesh isn’t paying attention to the havoc that climate change is wreaking upon the city. I believe it is high time for authorities to take the necessary steps to make people aware of this problem before it is too late. #js#jas#jashimsalam#photographer#documentary#bangladesh#chittagong#portrait#waterworld#project#climatechange#climaterefugee#flood#tidal#risingsealevel#humeneterian#migration#climatechangeisreal#climatetracker#photojournalism#vaulnerable#tv#street#submurged#floodwater#water#people#nature#instagram

(@waterworld.project)

4 Days 6 Hours Ago

The effects of climate change – rising sea levels and sea surface temperatures, resulting in greater instances of low pressure in the Bay of Bengal – have brought a sudden vulnerability to the lives and livelihoods of people living in coastal areas. Chittagong and Khulna, two major ports and business cities, are greatly threatened. The most heavily effected places are the old parts of Chittagong, like Chaktai, Khatunganj, Bakolia, and Agrabad. If things continue to worsen, the business hubs of Chaktai and Khatunganj could become completely submerged in the near future. The millions of people living in these areas have to battle tidal surge sometimes twice a day. Prior to this sudden regularity, the only tidal surge in remembered history occurred during 1991, when a hurricane hit the coastal area of Chittagong. The new, frequent tidal surges are even higher than that in 1991 and can remain for days on end, causing great concern for the inhabitants. Scientists now predict that the majority of the coastal area of Bangladesh will be completely submerged by the year 2050 – and the possibility of it happening sooner is immensely concerning. Despite the millions of people affected, the government of Bangladesh isn’t paying attention to the havoc that climate change is wreaking upon the city. I believe it is high time for authorities to take the necessary steps to make people aware of this problem before it is too late. #js#jas#jashimsalam#photographer#documentary#bangladesh#chittagong#portrait#waterworld#project#climatechange#climaterefugee#flood#tidal#risingsealevel#humeneterian#migration#climatechangeisreal#climatetracker#photojournalism#vaulnerable#tv#street#submurged#floodwater#water#people#nature#instagram

(@waterworld.project)

4 Days 6 Hours Ago

The effects of climate change – rising sea levels and sea surface temperatures, resulting in greater instances of low pressure in the Bay of Bengal – have brought a sudden vulnerability to the lives and livelihoods of people living in coastal areas. Chittagong and Khulna, two major ports and business cities, are greatly threatened. The most heavily effected places are the old parts of Chittagong, like Chaktai, Khatunganj, Bakolia, and Agrabad. If things continue to worsen, the business hubs of Chaktai and Khatunganj could become completely submerged in the near future. The millions of people living in these areas have to battle tidal surge sometimes twice a day. Prior to this sudden regularity, the only tidal surge in remembered history occurred during 1991, when a hurricane hit the coastal area of Chittagong. The new, frequent tidal surges are even higher than that in 1991 and can remain for days on end, causing great concern for the inhabitants. Scientists now predict that the majority of the coastal area of Bangladesh will be completely submerged by the year 2050 – and the possibility of it happening sooner is immensely concerning. Despite the millions of people affected, the government of Bangladesh isn’t paying attention to the havoc that climate change is wreaking upon the city. I believe it is high time for authorities to take the necessary steps to make people aware of this problem before it is too late. #js#jas#jashimsalam#photographer#documentary#bangladesh#chittagong#portrait#waterworld#project#climatechange#climaterefugee#flood#tidal#risingsealevel#humeneterian#migration#climatechangeisreal#climatetracker#photojournalism#vaulnerable#street#submurged#floodwater#water#people#nature#instagram

(@tommyvanrheeden)

3 Minutes Ago

“All the time I’m thinking what I should do next, what’s the next step, how to do the shadows, everything, so that it looks really good and clean. I like clean tattoos with really straight lines and delicate details. You have to be focused and know what to do and what effect you want to create. I also try to do it light at first and then gradually add more ink, that way I prevent adding on too much.” - @knas.marta

(@off_the_creance)

3 Minutes Ago

Another one from #sarkrootsfestival 🎉👌 @lordvapourband partying hard onstage. A really fun band to watch, awesome 😎______________________________________________ #music #musician #livemusic #instamusic #gigphotography #venue #concert #performer #photojournalism #artist #lensbible #lightroom #canon #offthecreance #entertaining #light #shadow #onstage #festival #festivallife #smoke #drums #summer #sarkstories #rockmusic #grunge #guitar @canon @canonuk @lensbible @shootlikeaboss @lightroom @moodygrams @agameoftones @depthobsessed @friendsinmyfeed @do.ports @britishphotographyawards @music @musicartgallery @lordvapourband @sark_island

Yesterday September 24, 2018 Rep. Nydia Velázquez encouraged women to speak up about sexual violence and NYC Stands with Survivors. __ @rep_velazquez @womensmarchnyc @nywomensfdn __ #nydiavelazquez #nycstandswithsurvivors #stopkavanaugh #ibelievesurvivors #ibelievechristine #ibelievechristineblaseyford #womenempowerment #womenrightsmatter #justice #nycwomen #speakup #standstrong #photojournalism #documentary #documentaryphotography #nyc #ig_nycity #womenofpuertorico #nycphotographer #sonyalpha

Day dreaming about getting a Canon 80D like....😅😅🙁🙁.. photojournalism.. blogging.. documenting.. visual stimulation.. dreams money CAN buy. . . . . . . . . #canonsa #canon #orms #takealot lol #photography #photojournalism #blogging #digitalmagazine #goals

(@darryl_daley)

8 Minutes Ago

For if we invite the light it sincerely comes to us, if we invite the funk it will never let us down. . @sceneandheardhq presents live@wax pt.1 screening: Wattstax feat. @sammseed Next Wednesday 8–11PM @ryewaxrecords Free Entry via @dicefm or DM me.

(@chandra.ehm)

13 Minutes Ago

-Openess- 'When the seasons shift, even the subtle beginning, the scent of a promised change, I feel something stir inside me. Hopefulness? Gratitude? Openness? Whatever it is, it's welcome!' Inspiring view from Diskit Monastery, Nubra, Ladakh. . . . More on www.chandraehm.com #nubravalley #nubra #india #diskit #openess

(@anna.aicher)

7 Minutes Ago

On the way to work.... #oktoberfest. Hong Kong 2017

(@luciamdd520)

15 Hours Ago

. Sono un osservatore costante, è la mia seconda natura; guardo la gente muoversi, vivere e morire. Assorbo ciò che viene a me e non mi lascio sfuggire niente, e solo dopo faccio ordine, in ciò che ho visto e ricevuto. La sera sono stanco perché, anche se non ho scritto nulla il fatto di aver tanto osservato mi sfinisce. Assorbo e trattengo tutto. Poi l’oblio mette ordine in questo materiale. • Marocco, romanzo (Tahar Ben Jelloun) . . . #mypointofview #shotoniphone #igersmorocco #morocco #igersafrica #mountains #everydayafrica #streetphotography #instagram #photooftheday #agameoftones #people_infinity #natgeotravel #bbctravel #lensculture #artofvisuals #myfeatureshoot #photojournalism #nature #storytelling #vscocam #everydayeverywhere #gettyimagescreative #hikaricreative #spicollective #magnumphotos #contemporaryphotography #reportagespotlight #yourshotphotographer #documentaryphotography

(@francescofalefoto)

11 Minutes Ago

Non Vale - Brasile

(@francescofalefoto)

12 Minutes Ago

Non Vale - Brasile

(@francescofalefoto)

12 Minutes Ago

Non Vale - Brasile

(@francescofalefoto)

12 Minutes Ago

Diario di viaggio - giorno 22 Até mais, Brasil È difficile spiegare a parole un viaggio che è stato il susseguirsi di tante emozioni. Non posso dire di conoscere il Brasile ma posso provare a raccontare cosa è stato per me. Il Brasile è contraddizione, è un bambino che gioca a pallone vicino a cumoli di rifiuti tossici, è sua madre di 24 anni che allatta l'altro figlio. Il Brasile è cultura, è un'anziana che parla solo Guajajara, è una ragazza che diventa donna insieme alla sua comunità. Il Brasile è lotta, è un uomo che blocca i binari per la sicurezza del suo villaggio, sono tante famiglie unite per ottenere il diritto alla terra. Il Brasile è resistenza, è una poesia scritta dal figlio di schiavi, è un muro che resta in piedi nonostante le crepe. Il Brasile è accoglienza, è una tavola sempre apparecchiata e un'amaca sempre libera su cui dormire. Il Brasile è anche devstazione, è una miniera scavata nella foresta, è una spiaggia coperta di fabbriche con tutto il loro fumo, è un treno che spacca in due un villaggio. È un uomo orgoglioso di riuscire a vivere di quello che coltiva e alleva, è una maestra che ha una casa tenporanea ma insegna portoghese ai giovani del suo villaggio. Il Brasile è terra, è acqua. Il Brasile è l'impronta rossa della mano di un bambino sul memoriale del suo eroe. Il Brasile per me ora è saudade e impegno. "Il sogno si fa con mano e senza chiedere il permesso" Atè mais, Brasil!

(@francescofalefoto)

13 Minutes Ago

Diario di viaggio - giorno 22 Até mais, Brasil È difficile spiegare a parole un viaggio che è stato il susseguirsi di tante emozioni. Non posso dire di conoscere il Brasile ma posso provare a raccontare cosa è stato per me. Il Brasile è contraddizione, è un bambino che gioca a pallone vicino a cumoli di rifiuti tossici, è sua madre di 24 anni che allatta l'altro figlio. Il Brasile è cultura, è un'anziana che parla solo Guajajara, è una ragazza che diventa donna insieme alla sua comunità. Il Brasile è lotta, è un uomo che blocca i binari per la sicurezza del suo villaggio, sono tante famiglie unite per ottenere il diritto alla terra. Il Brasile è resistenza, è una poesia scritta dal figlio di schiavi, è un muro che resta in piedi nonostante le crepe. Il Brasile è accoglienza, è una tavola sempre apparecchiata e un'amaca sempre libera su cui dormire. Il Brasile è anche devstazione, è una miniera scavata nella foresta, è una spiaggia coperta di fabbriche con tutto il loro fumo, è un treno che spacca in due un villaggio. È un uomo orgoglioso di riuscire a vivere di quello che coltiva e alleva, è una maestra che ha una casa tenporanea ma insegna portoghese ai giovani del suo villaggio. Il Brasile è terra, è acqua. Il Brasile è l'impronta rossa della mano di un bambino sul memoriale del suo eroe. Il Brasile per me ora è saudade e impegno. "Il sogno si fa con mano e senza chiedere il permesso" Atè mais, Brasil!

(@francescofalefoto)

13 Minutes Ago

Diario di viaggio - giorno 22 Até mais, Brasil È difficile spiegare a parole un viaggio che è stato il susseguirsi di tante emozioni. Non posso dire di conoscere il Brasile ma posso provare a raccontare cosa è stato per me. Il Brasile è contraddizione, è un bambino che gioca a pallone vicino a cumoli di rifiuti tossici, è sua madre di 24 anni che allatta l'altro figlio. Il Brasile è cultura, è un'anziana che parla solo Guajajara, è una ragazza che diventa donna insieme alla sua comunità. Il Brasile è lotta, è un uomo che blocca i binari per la sicurezza del suo villaggio, sono tante famiglie unite per ottenere il diritto alla terra. Il Brasile è resistenza, è una poesia scritta dal figlio di schiavi, è un muro che resta in piedi nonostante le crepe. Il Brasile è accoglienza, è una tavola sempre apparecchiata e un'amaca sempre libera su cui dormire. Il Brasile è anche devstazione, è una miniera scavata nella foresta, è una spiaggia coperta di fabbriche con tutto il loro fumo, è un treno che spacca in due un villaggio. È un uomo orgoglioso di riuscire a vivere di quello che coltiva e alleva, è una maestra che ha una casa tenporanea ma insegna portoghese ai giovani del suo villaggio. Il Brasile è terra, è acqua. Il Brasile è l'impronta rossa della mano di un bambino sul memoriale del suo eroe. Il Brasile per me ora è saudade e impegno. "Il sogno si fa con mano e senza chiedere il permesso" Atè mais, Brasil!

(@francescofalefoto)

13 Minutes Ago

Diario di viaggio - giorno 22 Até mais, Brasil È difficile spiegare a parole un viaggio che è stato il susseguirsi di tante emozioni. Non posso dire di conoscere il Brasile ma posso provare a raccontare cosa è stato per me. Il Brasile è contraddizione, è un bambino che gioca a pallone vicino a cumoli di rifiuti tossici, è sua madre di 24 anni che allatta l'altro figlio. Il Brasile è cultura, è un'anziana che parla solo Guajajara, è una ragazza che diventa donna insieme alla sua comunità. Il Brasile è lotta, è un uomo che blocca i binari per la sicurezza del suo villaggio, sono tante famiglie unite per ottenere il diritto alla terra. Il Brasile è resistenza, è una poesia scritta dal figlio di schiavi, è un muro che resta in piedi nonostante le crepe. Il Brasile è accoglienza, è una tavola sempre apparecchiata e un'amaca sempre libera su cui dormire. Il Brasile è anche devstazione, è una miniera scavata nella foresta, è una spiaggia coperta di fabbriche con tutto il loro fumo, è un treno che spacca in due un villaggio. È un uomo orgoglioso di riuscire a vivere di quello che coltiva e alleva, è una maestra che ha una casa tenporanea ma insegna portoghese ai giovani del suo villaggio. Il Brasile è terra, è acqua. Il Brasile è l'impronta rossa della mano di un bambino sul memoriale del suo eroe. Il Brasile per me ora è saudade e impegno. "Il sogno si fa con mano e senza chiedere il permesso" Atè mais, Brasil!

(@catequil1931)

7 Minutes Ago

Lorena Borjas, Executive Director of Collectivo Intercultural TRANSgrediendo (CIT) speaking to the crowd moments before the march. ---------------------------------------------------------------------------- Lorena Borjas, Directora Ejecutiva del Collrctivo Intercultual TRANSgrediendo (CIT) hablando al publico momentos antes de la marcha. #marchadelesputes921ny #marchaputasqueens #slutwalk921ny #slutwalkqueens #urbanphotography #queerphotography #streetphotography #photojournalism #photography #queersofnewyork

(@francescofalefoto)

14 Minutes Ago

Diario di viaggio - giorno 22 Até mais, Brasil È difficile spiegare a parole un viaggio che è stato il susseguirsi di tante emozioni. Non posso dire di conoscere il Brasile ma posso provare a raccontare cosa è stato per me. Il Brasile è contraddizione, è un bambino che gioca a pallone vicino a cumoli di rifiuti tossici, è sua madre di 24 anni che allatta l'altro figlio. Il Brasile è cultura, è un'anziana che parla solo Guajajara, è una ragazza che diventa donna insieme alla sua comunità. Il Brasile è lotta, è un uomo che blocca i binari per la sicurezza del suo villaggio, sono tante famiglie unite per ottenere il diritto alla terra. Il Brasile è resistenza, è una poesia scritta dal figlio di schiavi, è un muro che resta in piedi nonostante le crepe. Il Brasile è accoglienza, è una tavola sempre apparecchiata e un'amaca sempre libera su cui dormire. Il Brasile è anche devstazione, è una miniera scavata nella foresta, è una spiaggia coperta di fabbriche con tutto il loro fumo, è un treno che spacca in due un villaggio. È un uomo orgoglioso di riuscire a vivere di quello che coltiva e alleva, è una maestra che ha una casa tenporanea ma insegna portoghese ai giovani del suo villaggio. Il Brasile è terra, è acqua. Il Brasile è l'impronta rossa della mano di un bambino sul memoriale del suo eroe. Il Brasile per me ora è saudade e impegno. "Il sogno si fa con mano e senza chiedere il permesso" Atè mais, Brasil!